FAZ -giornale

pagine 1-2

 
    ZurYŚck   Weiter
   
 

OLIVER GROSZER - Il gatto sul palcoscenico

 

Capovolgere il mondo, ignorare semplicemente le sue leggi, fare magia utilizzando la gravità, tutto questo può generare in un uomo, che è in grado di farlo, una vera e propria dipendenza. Oliver Groszer non gioca senza testa con le clave e le palline, ma con la sua arte ha già fatto girare la testa ad alcuni dei suoi spettatori . Il ragazzo impedisce al pubblico di comprendere la propria lotta con la complessità dell'oggetto. Sul suo corpo le palline scorrono su e giù, sulle braccia, sulla schiena, sulla testa e sulla nuca. Tutto si può descrivere: come alza il piede, come fa volare il piccolo cucchiao d'argento nell'aria per poi farlo atterrare sulla sua fronte. Ma è indescrivibile come riesca a far sembrare che il cucchiaino sia incollato alla testa per quanto rimanga in piedi.

Il trucco con la sigaretta: una delle cose più difficili che un uomo possa chiedere a se stesso per dominare il suo equilibrio. Quale giocoliere ha il coraggio di concludere con un numero cosi rischioso? Le luci si spengono. Lo spot si accende. Rullo di tamburo. Silenzio. La preghiera mattutina in un monastero non potrebbe essere piu silenziosa. Dietro la schiena lancia una sigaretta sopra la spalla e la prende con la bocca. La stessa cosa succede con un fiammifero acceso. Una piccola mossa con la testa e la fiamma tocca già la sigaretta. Rullo di tamburo. Oliver Groszer fa un tiro profondo e sorride.
Il sipario si chiude.